Crea sito

Chiara Pavoni, l’interpretazione delle follie del mondo.

CHIARA1

Una carriera ricca e brillante tra set cinematografici, palcoscenici di teatro, corti e videoclip. Chiara Pavoni è la protagonista del film “Mondo folle”, diretto da Fabio Del Greco, in uscita gratuita su Youtube dal 23 aprile 2012.Questa curiosa e singolare riproposta ora su Youtube, ha risvegliato gli interessi della critica ed è per questo che ho il piacere di intervistare l’interprete principale.

 

 

 

 

D- Attrice, regista, coreografa, organizzatrice di eventi, press agent, la tua carriera vanta tantissime attività di spessore nel mondo dello spettacolo, ma qual è la disciplina artistica che più ti soddisfa?

Sicuramente l’attrice, e la regista in seconda battuta. Mi piace l’ idea di rendere viva e reale la parola scritta, renderla tridimensionale, forse perchè amo tantissimo leggere ed immaginare quello che leggo..osservare ed amare la vita.

 

D- In “Mondo folle”, film diretto da Fabio Del Greco, interpreti Chiara, la proprietaria di un locale con un giro di escort e cocaina. Come sei entrata nella psicologia del personaggio e quali difficoltà hai incontrato nell’affrontare un ruolo così particolare?

E’ una ragazza molto sensibile e fragile, che conserva di fondo un’ ingenuità disarmante ed una purezza emotiva nel suo essere senza scrupoli ed arrivista; è quell’ anima nascosta del personaggio che mi ha affascinato e catturato.Trovo che Fabio Del Greco abbia sempre scritto in maniera ammirevole i personaggi femminili, con amore e compassione per la loro debolezza. Anche il personaggio di Marina ne “La vita migliore” permetteva a tutto il pubblico femminile di identificarsi e soffrire le vicende in cui si trovava coinvolto il personaggio.

 
D- Nel film ricatti un onorevole attraverso un video che lo riprende in rapporti intimi con un trans, un fatto che riporta agli scandali anche della nostra politica. Una tua riflessione sulla politica del nostro tempo e sulle problematiche che anche il cinema sta vivendo.

La politica è un mondo così triste e squallido che non riesco proprio ad interessarmene..in teoria nulla dovrebbe avere a che fare con l’ arte, se non per sostenerla ed aiutarla. In realtà sappiamo bene tutti che il cinema ne risente negativamente, proprio perchè le persone di talento non appoggiate politicamente, non hanno chance in queso paese ed
i risultati spesso al cinema si vedono. Sarà per questo che non ho televisione così non corro il rischio di guardarla ed i miei film preferiti sono i film francesi!

 

D- C’è una scena del film che ritieni di maggior impatto e più significativa per il tuo ruolo?

Sicuramente la scena della morte, sia perchè gli effetti speciali fatti da Carla Losito sono molto curati, sia perchè questo povero personaggio muore come ha vissuto, in maniera inconsapevole ed in fondo stupida. Mi fa tenerezza l’ingenuità.

 

D- Qualche anticipazione sui tuoi prossimi impegni.

Il 27 giugno 2012 sarò la protagonista di “Gioco d’identità”, spettacolo teatrale scritto da Michela Zanarella, diretto da Giuseppe Lorin. Tra gli attori anche Matteo Tosi e Marco Palvetti. L’evento si svolgerà per L’ Estate Carrarese con la collaoborazione del Comune di Padova, a Palazzo Zuckermann.
Nell’estate poi avrò l’onore di poter girare nuovamente con Sebastiano Montresor, a Verona, un regista visionario e geniale, con cui ho già lavorato in Vigasiosexploitation 1 e 2, entrambi visibili sul web.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Michela Zanarella

Print Friendly
Both comments and pings are currently closed.

Comments are closed.