Crea sito

FUMETTERIA GOLDEN STORE ROMA IN VIA FABIOLA 53

Fumetteria Via Fabiola 53

Cosa è una fumetteria? Non è certo una drogheria, ma degli eventuali fumi ne conserva la “nuvoletta”, con dentro scritto ciò che il personaggio dice o pensa o provoca come suoni o rumori.

Una fumetteria non è certo una cartoleria né tantomeno un’edicola, è semplicemente una fumetteria; quanto meno è una Libreria specializzata nella vendita dei fumetti!

Chi non ricorda il Corriere dei Piccoli, conosciuto anche come Corrierino che veniva inserito come supplemento illustrato nel Corriere della Sera?

Ricordo che il mio diario scolastico personale era illustrato a colori da uno dei maggiori autori di fumetti umoristici, Benito Jacovitti, che creò le avventure umoristiche di Pippo, Pertica e Palla. Conosciuto come “Jac” inventò per “Il Giorno dei Ragazzi” le storie del cowboy che beveva solo camomilla: Cocco Bill.

Ma l’evento più importante che riguarda la storia del fumetto d’autore moderno, non solo italiano, è da considerarsi l’uscita del capolavoro di Hugo Pratt “Una ballata del mare salato”, primo episodio del suo più famoso personaggio Corto Maltese. È con lui che si Si inaugura così un nuovo modo di narrare; sì racconta agli affezionati lettori i grandi fatti della Cultura con un fumetto più riflessivo, letterario, di narrativa, in cui le vicende, dal ritmo moderno, si svolgono in ambienti dal sapore esotico e sparsi in tutto il mondo. Ben presto Hugo Pratt approderà nella sua fase matura a “Linus”. Chi non ricorda il personaggio Valentina, creata da Guido Crepax anche lui disegnò per “Linus”.

in vetrina fumetteriaA cavallo tra l’erotico e l’antieroe del fumetto nero troviamo, al contrario, protagonisti di altre testate spesso, ma non sempre, femminili, come Lucifera, Jacula, Sukia, Vartàn o più raramente maschili Goldrake, e numerose altre testate di fumetti popolari erotici e pornografici o addirittura del genere porno-horror.

Francesco Tullio Atlan crea per il Corriere dei Piccoli nel 1975 la cagnetta Pimpa. Nel 1986 esce una della serie italiane più fortunate: Dylan Dog di Tiziano Sclavi, edito da Sergio Bonelli.

Uno fra i più celebrati fumettisti satirici italiani fu comunque Giorgio Forattini, di cui innumerevoli sono le pubblicazioni. Le avventure di Batman, scritte da Frank Miller restano imbattibili.

L’importazione dei cartoni animati giapponesi ha dato il via ad un altro fenomeno importante: quello dei MANGA, ovvero dei fumetti giapponesi.

Non è da sottovalutare la rete internet dove è tangibile il rinnovamento delle modalità di scambiare e creare fumetti. Infatti, oltre ai noti vantaggi offerti dal file-sharing, cominciano a nascere nuove testate edite e vendute direttamente ed esclusivamente su Internet, il cosiddetto “fumetto on-line”.

Il mondo dei fumetti cartacei continua comunque a sopravvivere, sia con le stampe dei vari classici Bonelli, Rat-man ed altri, sia con la pubblicazione di nuove testate. Tra queste si fa notare  W.I.T.C.H. di Elisabetta Gnone, prodotto dalla Disney Italia, e che ha riscosso un grande successo soprattutto tra le giovani lettrici. La Rainbow S.p.A. di Iginio Straffi produsse su Merchasting dei magazine su Winx Club e Huntik – Secrets & Seekers. Tra tutti questi spicca l’alta professionalità e la Cultura di Massimo Fecchi, disegnatore della Walt Disney, che dà vita a Topolino e alla famiglia dei Paperi e contribuì al successo di Kriminal e Jacula. Massimo Fecchi è tra i più grandi disegnatori Disney a livello mondiale e vanta qualcosa come un centinaio di storie Disney realizzate in poco meno di 15 anni. Massimo Fecchi crea e sviluppa il carattere di due eroi del fumetto, di Tom & Jerry e prosegue con Bugs Bunny e Tweety e Silvester, comics per la Warner Bros. Disegnò “Fix und Foxi” e ideò la parodia di ‘Odysseus’. Massimo Fecchi ha disegnato una infinità di storie che riguardano Paperino, ‘Donald Duck’ per la Danish Disney publisher Egmont. Il suo lavoro spazia dai fumetti della Walt Disney ai comics della Kauka, che sono le più importanti case editrici in Europa e chi è del settore non può fare altro che confermare!

È proprio nelle Fumetterie di livello, dove per l’appunto si vendono i fumetti, che si trovano questi gioielli di nuvole narrative, dove la fantasia e la Cultura si fondono per dare relax al lettore, allontanandolo momentaneamente, giusto il tempo della lettura di un fumetto, dalle problematiche della vita quotidiana. È dall’America che negli anni ’80, abbiamo importato le Fumetterie che rappresentano una forma rivoluzionaria di “commercio” dell’editoria e ne sono d’esempio i volumi Magic Press, 100% Marvel, TP Play Press, e chi più ne ha più ne metta!

Emiliano Paggetti e Matteo GabosLa parola “Fumetteria” è un’ottima scelta linguistica per denominare il luogo di vendita al dettaglio di tutto ciò che riguarda il mondo dei fumetti e non solo, come per esempio i Gadgets legati al fumetto e non, statue di Bowen, libri, cards, giochi da tavolo, cosplay, carte e giochi di ruolo, dvd, agende,  carte sfuse magic, tazze, robot e tanto altro materiale ancora. Fumetteria è un termine già introdotto nei migliori vocabolari italiani e l’Accademia della Crusca ha dato già il suo placet.

Nel mondo del fumetto i generi sono relativamente pochi come per esempio il genere dei Supereroi o Fumetto Americano, il genere Manga, quello dei costosi Volumi francesi, il genere dei fumetti Sudamericani, il fumetto italiano popolare e quello della satira politica.

Il genere Manga, costa poco, ma ha una infinità di serie e non tutte di qualità, che mette in problematiche le piccole Fumetterie dagli spazi esigui e la cautela del venditore è d’obbligo!

Una bella esposizione dà la possibilità all’acquirente di poter scegliere ed un consiglio è quello di esporre nelle vetrine, situazioni incrociate come  Sprayliz di Enoch accanto ai Manga, oppure Strangers in Paradise, apprezzato anche in edizione economica, vicino a Blueberry, a Tex, a Walking Dead, a Dylan Dog.

Il mondo del fumetto è grande, vario ed in continua crescita!

La fumetteria Golden Store Roma situata in via Fabiola 53, è gestita da due giovanissimi ed entusiasti imprenditori Emiliano Paggetti e Matteo Gabos ai quali diamo il nostro Benvenuto a Monteverde, il quartiere della Cultura!

Print Friendly
Both comments and pings are currently closed.

Comments are closed.