Crea sito

Gli “uomini ombra” di Agnese Maddalosso

Uomini ombra

Si presenta come romanzo intenso e riflessivo, il libro “Uomini Ombra” edito da Venilia Editrice di Agnese Maddalosso, autrice veneta con una carriera di spessore che spazia dal cinema al teatro, dalla moda alla pittura. Cultrice della bellezza e del “savoir faire” Agnese Maddalosso ci proietta in una dimensione che fonde a perfezione realtà e fantasia. La quotidianità si specchia in una visione onirica dell’esistenza, che diventa quell’oltre da scoprire e comprendere. Protagonisti del romanzo, Urania, Ascanio, Arduino, Clelia, Mr X, Ferrante e Arthur; ogni personaggio ha una personalità che lo identifica per dare valore ed arricchire la narrazione.
Tutto scorre con un ritmo interessante, l’intreccio del vero e della finzione porta il lettore a compiere un viaggio affascinante, il mondo terreno sembra coincidere con il mondo ultraterreno e la Maddalosso ci accompagna a vivere a pieno le sorti dei suoi personaggi.
Già dall’incipit si viene rapiti dall’atmosfera particolare che ricorda le “gentilezze” dannunziane dove, nel suo caso, primeggia il fascino e l’erotismo emanato dall’incontro con il maschio: “Verso l’imbrunire, una figura avanzava circospetta lungo un viale alberato la cui fine, imprevedibile sfociava nella nebbia.”
Agnese Maddalosso conduce il lettore a riflettere sulla vita, ad interrogarsi sul senso delle cose, sullo scorrere inesorabile del tempo, ogni pensiero diventa anche la traccia di una profonda analisi del suo vissuto, di gioie e rimpianti. Amante dell’amore e della bellezza più pura, la scrittrice scandaglia se stessa attraverso le creature che la sua mente genera, gli “Uomini Ombra”, quelle presenze che simboleggiano il bene ed il male, dei e demoni in continua metamorfosi.
La Maddalosso spesso si avvale di citazioni per fissare concretamente il senso del suo sentire, dal pensiero del filosofo Schelling: “L’uomo muore e la specie resta”, a Confucio: “Il saggio non ha dubbi, il buono non ha timore, il coraggioso non ha paura”.
I dialoghi sono incisivi e vanno ad animare il linguaggio, garantendo quella sinergia tra due mondi solo in apparenza così diversi.
L’autrice di Piazzola sul Brenta, Padova, si affida alla scrittura per eternare sulla carta attimi di creatività ed immaginazione, ma anche per ripercorrere momenti del proprio esistere.
Forte la presenza dell’amore, che diventa indispensabile per trovare un equilibrio, dal concreto all’astratto. Coinvolge e cattura il suo scrivere, diventa una sorta di confidenza che spazia nel cosmo, tra preziose perle di saggezza.

Michela Zanarella

 

Agnese Maddalosso è nata a  Piazzola sul Brenta (Padova) nel 1922 ed ha vissuto a Roma per circa 40 anni. Vedova di un violinista, in gioventù ha fatto cinema, teatro, operetta. Dopo la pensione si è ritirata nel suo paese natale, dedicandosi alla pittura, alla narrativa e all’arte in genere.

Print Friendly
Both comments and pings are currently closed.

Comments are closed.